"Una bocca sana, gradevole e funzionale
dà un messaggio sociale positivo e rassicurante."

dr. Maurizio Serafini

News

Estetica non Dentale

Rigenerazione Tricologica con fattori di crescita Rigenerazione Tricologica con fattori di crescita Rigenerazione Tricologica con fattori di crescita Rigenerazione Tricologica con fattori di crescita

Rigenerazione Tricologica con fattori di crescita

Scarica PDF

P.R.P. & Rigenerazione Tricologica

La rigenerazione tissutale: rughe, capelli, rappresenta un aspetto terapeutico imprescindibile per il raggiungimento di un completo e armonioso ripristino dell’estetica e della funzione.

Negli ultimi anni sono state proposte svariate tecniche e si sono valutate numerose tipologie di materiali (autologhi ed eterologhi); il tutto è stato sottoposto a revisione critica attraverso la conduzione di studi clinici e di indagini istologiche.

La necessità di ovviare a problematiche: i costi elevati, il rischio di infezioni crociate, il vantaggio di poterlo preparare in studio al momento della somministrazione, hanno portato alla messa a punto di nuove tecniche basate sullo sfruttamento delle grandi potenzialità dei fattori di crescita (Grow-Factors).

Le piastrine, hanno al loro interno dei granuli (Fattori di crescita PDGF) che si liberano durante la loro rottura.

Questo fattore è implicato principalmente nell’ aumentare l’attività mitotica ( divisione cellulare) del processo di riparazione dei tessuti, è coinvolto nell’ angiogenesi (formazione di capillari, quindi apporto nutrizionale ed ossigeno che sono il primo movens della rigenerazione.

La concentrazione piastrinica si ottiene centrifugando il sangue prelevato dal paziente.

Così facendo abbiamo a disposizione un gran numero di molecole di PDGF rispetto ad un normale coagulo, per meglio comprendere dobbiamo immaginare che, mentre per una normale ferita la quantità di piastrine disponibile è come un fiumiciattolo, centrifugando il sangue è come se immettessimo un fiume della portata del PO.

Studi in vitro hanno dimostrato che Il PDGF viene liberato dalle piastrine mediante un processo di degranulazione, che si verifica già dopo pochi minuti dal contatto con la superficie ricevente

Il tutto si traduce in qualità e grado di soddisfazione dei Pazienti.